Progetto e sostenibilità | Grotta di Babbo Natale a Ornavasso (Lago Maggiore) e Regina dei Ghiacci a Macugnaga (Monte Rosa)

Il progetto culturale

La Grotta di Babbo Natale valorizza e sostiene con iniziative di solidarietà il patrimonio culturale e tradizionale di Ornavasso e le realtà del sociale. Ornavasso ha infatti origini e tradizioni pre-romane antichissime, importanti monumenti religiosi, come il Santuario della Guardia (che ospita il grande Presepe), la Chiesa Parrocchiale dedicata a San Nicola (da qui l'idea di Babbo Natale), il Santuario del Boden e il Santuario di Oropa a Migiandone. Nell'arco di tre edizioni la Grotta di Babbo Natale - grazie alle donazioni raccolte - consentirà di completare anche alcuni interventi alla copertura del Santuario della Guardia, per la conservazione dell'insigne monumento.  Il filone di marmo che affiora nell'Antica Cava Moschini ha rifornito già a partire dagli anni Ottanta del Trecento anche il marmo per la costruzione di parte del Duomo di Milano e altri insigni monumenti quali ad esempio la Certosa e il Duomo di Pavia. Il cunicolo segreto dei Twergi si sviluppa nel sistema difensivo della Prima Guerra Mondiale detto Linea Cadorna (Forte Castello). I twergi - ovvero gli gnomi della tradizione walser (coloni di cultura germanica che qui si insediarono nel Basso Medioevo) - raccontano la cultura materiale di queste montagne: la lavorazione del latte (che avveniva nel camarèn, la casera), del legno, della pietra, delle stoffe... I prodotti e le eccellenze artigianali del territorio sono valorizzate dai laboratori e dall'area artigiani e produttori. Testimonianze del ricco folclore locale anche i costumi e l'immaginario tradizionale, a partire dai twergi, di cui è rimasta anche una misteriosa ma originale formula,"Jurgono-jorgono". Per raccontare le suggestioni di questo mondo ai bambini è nata la storia di Nergi, il twergi della Grotta di Babbo Natale, perchè i twergi siano sempre in mezzo a noi. Nell'edizione 2015-2016 il Gruppo Walser di Ornavasso ha inoltre allestito all'interno del Grande Presepe due "baite" dedicate alla lavorazione tradizionale dei tessuti e alla macinatura dei cereali, con oggetti originali della cultura walser. Le statue del grande presepe sono inoltre opera di uno dei più grandi artisti italiani  di arte sacra. Nell'edizione 2016 nel Presepe e nel Parco saranno dedicati spazi ad artigiani ed artisti, come il liutaio, il presepista, lo scultore, il falegname che realizza i pinocchi, la sarta..nonchè a veri produttori.

Il bilancio etico e sociale

La Grotta di Babbo Natale per scelta non richiede e non riceve finanziamenti pubblici, a differenza di molti altri eventi, ma cerca di contribuire, limitatamente e con le proprie risorse di creatività e lavoro, allo sviluppo dell'economia locale e ai bisogni sociali, in particolare del mondo del volontariato e delle giovani generazioni. Per tale ragione ogni anno vengono organizzate una trentina di borse lavoro, per le attività legate alla grotta (dagli animatori ai servizi), in favore di giovani, studenti universitari, disoccupati o inoccupati, persone in situazione di disagio. Tali borse hanno consentito di re-inserire nel contesto sociale e di coinvolgere in una attività positiva, creativa e gioiosa anche persone in condizione di difficoltà, oppure giovani che hanno avuto modo di dimostrare capacità, impegno, entusiasmo.
Come è stato detto la Grotta di Babbo Natale non riceve finaziamenti, ma, al contrario, contribuisce ogni anno alla crescita del volontariato, sia a livello locale che con progetti internazionali, supplendo spesso ai limiti economici che specialmente oggi, con la crisi, impediscono al "pubblico" e alla Stato di sostenere il privato sociale. Si tratta pertanto di affermare un nuovo modello di welfare basato sui principi della solidarietà e della sussidiarietà, un modo per "interpretare", anche attraverso una figura forse inflazionata a fini commerciali come babbo natale, il senso del Natale, come occasione concreta di rinascita e rinnovamento per l'uomo e i suoi bisogni.

Nelle ultime 2 edizioni  la Grotta di Babbo Natale ha contribuito con oltre 100 mila euro, attraverso donazioni, spazi e opportunità offerti alle associazioni, alle attività delle associazioni del volontariato, sostenendo tra l'altro, una scuola di avviamento musicale e bandistico, la scuola materna, l'acquisto di attrezzature per il soccorso, attività sportive giovanili, ma anche un progetto internazionale per le scuole materne, sportello e servizi per i bambini diversamente abili e il sostegno nella scuola materna ed elementare, attività sportive, attrezzature per il soccorso e la protezione civile, interventi di valorizzazione del territorio e di recupero del patrimonio architettonico e ambientale.

La grotta di Babbo Natale favorisce e sostiene inoltre la visita delle persone diversamente abili e delle rispettive organizzazioni, oltre ad avvicinare le scuole, attraverso laboratori gratuiti, alla riscoperta di forme di manualità e di impiego dei materiali tradizionali.

Nell'edizione 2015-16 la Grotta di Babbo Natale, mediante la concessione alle associazioni locali della gestione delle aree di ristorazione legate all'evento, ha collaborato in particolare ai progetti di Corpo Musicale di Ornavasso, Gruppo Walser, Associazione Nazionale Alpini, Gruppo A.I.B. Ornavasso e con altra associazioni come il Corpo Volontari del Soccorso, i corpi musicali di Gravellona Toce e Baveno e le numerose associazioni che hanno esposto i propri stand nell'area dell'evento, in collaborazione con il comune di Ornavasso.

Il sistema dell'associazionismo locale e del sistema comunale di protezione civile, in un momento di forte difficoltà economica per gli enti pubblici, è sostenuto dall'evento, così come le opportunità lavorative ed economiche per gli esercizi pubblici locali, in collaborazione con l'associazione commercianti, con significative ricadute occupazionali.

L'attenzione ai progetti legati all'infanzia e alla sostenibilità hanno avuto nell'anno 2015 l'importante riconoscimento di Impresa Amica dell'Unicef.

La sostenibilità ambientale e la valorizzazione del patrimonio artistico

Attraverso collaborazioni con associazioni come il Gruppo Alpini, che ha gestito il servizio di ristorazione, e la Parrocchia di Ornavasso, la Grotta di Babbo Natale ha sostenuto i lavori di recupero della Linea Fortificata Cadorna, che ha trasformato una strada di guerra in un percorso di pace, frequentato oggi da migliaia di famiglie e bambini, soprattutto nel periodo primaverile ed estivo. L'evento contribuisce inoltre alla conservazione del patrimonio artistico di Ornavasso, del Santuario della Madonna della Guardia in particolare, straordinario monumento di fede e di arte.

La sostenibilità è tra gli obiettivi prioritari anche dell'edizione 2016: un nuovo servizio di collegamento con navette tra la Stazione ferroviaria di Verbania- Pallanza e Ornavasso, promosso dall'organizzazione in collaborazione con VCO Trasporti consentirà di incentivare l'utilizzo dei mezzi pubblici di trasporto, a partire dalle principali direttrici di traffico da Milano, Torino, Genova e la Svizzera (Vallese, Oberland Bernese e Ticino in particolare).

Sostenibilità è anche accessibilità e pertanto la manifestazione nell'edizione 2016 ha investito in maniera rilevante in favore dell'accessibilità dell'area parco con animali, anche da parte dei diversamente abili oltre a migliorare i percorsi con passeggini e i servizi in favore delle famiglie. 

Gli exhibit dell'area animali rispettano le caratteristiche delle specie, il benessere animale e tutte le norme di detenzione di legge. Gli animali sono accuratamente assistiti e monitorati dal punto di vista sanitario e secondo uno specifico piano alimentare, anche  per fronteggiare le situazioni di rischio o emergenza.  Scopo dell'area espositiva è educare ed informare i visitatori e pertanto è richiesta la loro collaborazione nel rispetto delle prescrizioni opportunamente riportate in loco.

La manifestazione applica la raccolta differenziata dei rifiuti mediante contenitori all'uopo dedicati.

Valorizzazione delle attività tradizionali

L'edizione 2016 riserverà particolare attenzione alla valorizzazione delle arti e mestieri della montagna e non solo, incentivando la presenza di artigiani, artisti e produttori di diverse località italiane che svolgeranno attività dimostrative di mestieri e saperi che se non opportunamente valorizzati e sostenuti rischiano di scomparire.

Grazie a tutti coloro che con la propria partecipazione hanno reso possibile tutto questo, facendo crescere i valori del Natale anche attraverso questi gesti concreti di solidarietà e di dignità.

Solidarietà internazionale e nazionale

Moltissime nel mondo sono le emergenze e le necessità che riguardano l'infanzia: la Grotta di Babbo Natale ha scelto di sostenere alcuni progetti, invitando anche i propri visitatori a donare, perchè - facendo proprio l'invito anche di Papa Francesco - "non si può contemplare il presepio isolandolo dalla vita che lo circonda, sarebbe fare della Natività una bella favola" (02.01.2017)
A conclusione dell'edizione 2016 la Grotta di Babbo Natale ha pertanto deciso di sostenere, oltre all'associazionismo locale con cui collabora attivamente da anni, anche le seguenti realtà nazionali ed internazionali:
 

Centro Aiuti per l'Etiopia :  Grotta di Babbo Natale sostiene l'adozione a distanza di 5 bambini per l'anno 2017 - cibo, scuola e salute.
Da oltre trent’anni la Onlus garantisce il sostegno e il diritto alla vita di migliaia di bambini di Etiopia, Eritrea e Sudan. Dona anche tu

Save the Children: Grotta di Babbo Natale sostiene l'educazione dei bambini che in Italia vivono in povertà, attraverso il progetto "Illuminiamo il futuro".
L'Associazione - indipendente - è impegnata in Italia e nel mondo per difendere i bambini e la loro crescita. Dona anche tu

 

ACN: Grotta di Babbo Natale sostiene Suor Annie Damerjian nell'EMERGENZA SIRIA, ad Aleppo, perchè centianaia di bambini possano affrontare l'inverno.
Fondazione pontificia  - nata nel 1947 - realizza oltre 6000 progetti umanitari e pastorali l’anno in 146 paesi nel mondo.  Dona anche tu

Contatti

Per informazioni, prenotazioni, gruppi, T.O., agenzie, scuole ed individuali:

  • Parco e Grotta di Babbo Natale (Ornavasso Lago Maggiore): info (@) grottadibabbonatale.it
  • Segreti di Babbo Natale e Regina dei Ghiacci (Macugnaga Monte Rosa): macugnaga (@) grottadibabbonatale.it
  • Grotta: +39 0323 497349 (da lun a ven.8,30-17.30 orario continuato) 
  • +39 0323 497349
  • Ornavasso (Verbania) - Lago Maggiore - Italy e Macugnaga - Monte Rosa (Italy) - a 50 minuti da Ornavasso
Feedback